russia

S. Pietroburgo: ecco cosa c’è da vedere, cosa mangiare e dove dormire

by
0 comment

San Pietroburgo è una delle città più affascinanti al mondo. Seconda città della Russia per dimensioni, ne rappresenta il vero e proprio centro culturale, ricco di testimonianze storiche che definire interessanti è riduttivo e ben altro. A colpire è sicuramente l’architettura dell’intera città che, nonostante si dimostri essere, per molti versi, sopra le righe, è tra le più eleganti che si possono ammirare. Cosa vedere in questa grande città? Dove dormire e cosa mangiare? Scopriamolo insieme.

San Pietroburgo, cosa vedere

Visitare la città di San Pietroburgo è tra le esperienze di viaggio più incredibili che si possano fare! Unica testimonianza delle reali fattezze della Madre Russia prima che scoppiasse la rivoluzione, sono diverse le cose da vedere. Abbiamo selezionato quelle che sono davvero imperdibili.

  • Il Palazzo d’Inverno è nato diversi secoli fa per volontà di Pietro il Grande con lo scopo di rappresentare nel mondo la grande potenza della Russia. Ed in effetti è proprio così: questo imponente edificio lascia letteralmente a bocca aperta chiunque lo visiti. Residenza ufficiale degli Zar di Russia per oltre due secoli (fino alla prima metà del 1900) è composto da oltre 350 grandi sale che sono delle vere e proprie opere d’arte. Al loro interno, poi, custodiscono altrettante opere d’arte, veri e propri tesori per la cultura artistica russa. Tra queste stanze, poi, si narra vi si nascondono diversi fantasmi.
  • Il Palazzo dello Stato Maggiore è altrettanto importante ed imponente. Impossibile visitare San Pietroburgo senza averci fatto un salto. Si tratta di un palazzo che per secoli ha ricoperto il ruolo di quartier generale del governo russo fintanto che, allo scoccare del 1920, Mosca non fu eletta capitale.
  • Il Palazzo di Caterina è la dimora estiva degli zar di Russia. Prende il nome da Caterina I che, nel 1717, ne ordinò la costruzione. Sfarzoso negli esterni (per i quali inizialmente erano stati impiegati ben 100 Kg d’oro) il palazzo è una piaceole sorpresa anche negli interni . Si potrà ammirare la cosiddetta “Infilata dorata”, un insieme di stanze comunicanti tra loro caratterizzate da dipinti ed opere d’arte di unica bellezza. Tra queste la Camera D’Ambra che, per la sua incredibile bellezza, è stata persino definita come ottava meraviglia del mondo.
  • Risale sempre alla prima metà del 1700 la Reggia di Peterhof (con i relativi giardini) voluta da Pietro il Grande e che da lui prende il nome. Un insieme di cinque palazzi di cui il centrale è quello più sontuoso e all’interno di cui è possibile ammirare la lussuosissima sala del trono.
  • Il Museo dell’Ermitage è tra i più conosciuti a livello mondiale. Si compone di un totale di cinque palazzi: il Palazzo d’Inverno, il Piccolo Ermitage, il Grande Ermitage, il Nuovo Ermitage e il Teatro dell’Ermitage. All’interno di questo incredibile museo sono conservate circa 3 milioni di opere d’arte di cui molte sono importantissime ed appartengono ai maestri più illustri dell’arte come Caravaggio, Cézanne, Van Gogh.
  • La Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato è indubbiamente l’edificio religioso più noto di San Pietroburgo. Ecco perché è d’obbligo inserirla nell’elenco delle cose che non possiamo assolutamente perderci di questa meravigliosa città. Costruita nel 1883 per volere di Alessandro III sorge esattamente dove nel 1881 è stato assassinato Alessando II (il padre). Il luogo esatto in cui morì è occupato da uno degli altari più lussuosi di tutta la Russia tempestato di topazi e di diverse altre pietre di valore.

San Pietroburgo, cosa mangiare

Cosa mangiare a San Pietroburgo? Tra un luogo d’interesse e l’altro è importantissimo riuscire a godere appieno anche della tradizione culinaria russa che, oggi, si fonda su una mescolanza di varie culture. Si sa che la cucina russa non è tra le più salutari al mondo: i russi amano abbondare di sale per cui i piatti sono sempre molto saporiti. I piatti tradizionali di San Pietroburgo sono, comunque, per di più le zuppe che, quindi, non possono mancare nell’elenco delle cose da assaggiare. Per il resto esistono delle pietanze tipiche che vi consigliamo di assaggiare. Eccone alcune.

  • Le Sirniki, ovvero delle frittelle di ricotta che si possono trovare sia fritte che cucinate al forno (e quindi leggermente più leggere). Un’idea perfetta per la colazione.
  • Sempre a colazione è possibile assaggiare il Blini, una sorta di pancake con acqua, uova e farina che poi è possibile farcire come meglio si preferisce.
  • A pranzo e a cena si può provare il Borsch, una zuppa di barbabietola tipicamente rossa che viene unita con altre verdure e con della carne (di pollo o maiale).
  • Altra zuppa è la Solyanka che viene preparata con carne, pesce o funghi e cotta, insieme a del brodo, in forno.

Dove dormire a San Pietroburgo

Quali sono le zone migliori per dormire a San Pietroburgo? Anche in questo caso avremo davvero l’imbarazzo della scelta! La zona migliore è di certo quella del centro che, però, proprio per la sua posizione, è anche quella più costosa. Il quartiere più consigliato, in questo senso, è quello denominato Tsentranly, dove, tra l’altro si trova buona parte delle attrazioni della città. Le offerte alberghiere sono molto ampie e varie e possono essere differenti a seconda del periodo in cui vi si alloggia. Se in bassa stagione (quindi durante la stagione invernale) si riesce a spendere anche 10 o 15 euro a persona, ve ne vorranno almeno 50 in alta stagione (ovvero in estate). Indispensabile, poi, prenotare con largo anticipo per non rischiare di non trovare posto.

You may also like