Spiaggia libera a Rimini: qual è la migliore e come arrivarci?

by Fortuna
0 comment

Rimini è una delle località e delle mete di mare più gettonate, non solo dai turisti italiani ma anche da quelli stranieri, in particolare da coloro che sono alla ricerca di notti brave e divertimento. Non a caso, infatti, le notti della movida adriatica sono famose un po’ dappertutto e la città diventa meta di vacanze soprattutto per gruppi di giovani che intendono passare alcuni giorni all’insegna del divertimento e della trasgressione.

Bar, hotel, locali e feste in spiaggia, però, non sono le uniche attrazioni che la riviera romagnola offre. Anche le famiglie e che non sono amanti della movida riescono a trovare dei bagni attrezzati appositamente per i bambini o per le persone disabili, così da poter stare lontani dalla confusione e dal caos delle spiagge troppo affollate.

Tuttavia, non tutti amano dover spendere soldi per potersi godere la spiaggia o semplicemente non tutti sono così esigenti da voler avere per sé sdraio, lettino o ombrellone. Spesso i più giovani, che fanno le ore piccole di notte, preferiscono godersi solo poche ore di sole in spiaggia con gli amici o godere solo del sole senza dover far fronte a particolari esigenze.

La spiaggia libera, quindi, diventa l’alternativa migliore per questi gruppi di persone: anche se sprovvista di stabilimenti balneari o strutture attrezzate, è ugualmente molto accogliente e pulita e il mare ugualmente azzurro e limpido. È possibile riconoscere una spiaggia libera perché non è numerata o, in alcuni casi, mancano il servizio di salvataggio, le docce e i bagni. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, anche questi servizi base sono presenti, unitamente alle passerelle per accedere alla spiaggia.

Ovviamente le spiagge libere sulla Riviera Romagnola sono in numero molto inferiore rispetto ai bagni a pagamento. Il vantaggio? Quello che ciascuno è libero di piazzarsi dove vuole al proprio arrivo e piantare il proprio ombrellone dove preferisce.

Ma quali sono le migliori spiagge libere a Rimini?

Tra le spiagge libere della Riviera, come abbiamo già detto, è possibile distinguere due tipologie: quelle con un minimo di attrezzatura e servizi e quelle che invece sono completamente sprovviste di comfort. A seconda delle vostre esigenze, vi proponiamo una lista di spiagge libere, attrezzate e non.

Spiagge libere attrezzate

Offrono una serie di servizi importanti per i bagnanti:

  • bagni a norma
  • docce
  • servizio salvataggio
  • scivoli e pedane d’ingresso

Questa tipologia di spiaggia è quella maggiormente indicata per i diversamente abili, che possono godere della possibilità di arrivare fino alla riva grazie alle sedie mare messe a disposizione per loro dalla Cooperativa Ondanomala di Rimini. Tra le più frequentate troviamo indubbiamente quella situata nell’area di fronte a Piazzale Boscovich.

Spiagge libere non attrezzate

Generalmente, forniscono comunque dei servizi minimi ai turisti:

  • pedane di accesso
  • servizio di salvataggio

È possibile trovare questa tipologia di spiagge sparse un po’ su tutta la riviera romagnola. Qui di seguito potrete trovare un elenco completo delle spiagge libere non attrezzate divise per zona:

Zona NORD

San Giuliano: dalla Darsena all’ex Bagno 10

Rivabella: tra il lato nord del Deviatore del Marecchia e il Bagno 1

Viserbella: tra Villa Salus e il Bagno 58

Viserbella: tra i Bagni 71 e 72

Torre Pedrera: tra il Bagno 76 e il confine con Bellaria

Zona SUD

Zona antistante la Colonia ENEL – Rivazzurra tra i Bagni 106 e 108

Zona antistante la Colonia Bolognese – Miramare zona Riminiterme.

Marebello: tra i Bagni 105 e 106

Rivazzurra: zona retrostante i Bagni 109 – 110 Miramare: tra i Bagni 139 e 140 –  dal Bagno 150 al Talassoterapico o dall’area riservata all’Aeronautica fino al confine con Riccione

You may also like