toscana

Empoli: dove si trova, cosa visitare, comune, cap e informazioni utili

by
0 comment

Se si è alla ricerca di una località turistica dotata di un fascino trasversale senza tempo, allora non resta altro da fare che puntare su Empoli. Sebbene qualche volta compaia negli itinerari meno gettonati del panorama turistico, la cittadina toscana vanta una serie di attrazioni in grado di soddisfare ogni singola esigenza. Inoltre, la sua estensione contenuta permette al viaggiatore di turno di visitarla per intero nell’arco di un singolo giorno. Pertanto, alla luce di queste peculiarità – oltre a quelle che seguiranno – occorre focalizzarsi sui punti di forza di una località situata nel bel mezzo della Toscana (per la precisione, nella pianura del Valdarno inferiore).

Empoli, cosa visitare nel comune toscano

Il comune di Empoli gode di una classificazione come capoluogo dell’Unione dei comuni dell’empolese valdelsa. All’interno di quest’ultima, è possibile trovare anche altre località quali Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Fucecchio, Gambassi Terme, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli e Vinci. Per quanto riguarda, invece, i posti da visitare senza se e senza, si può tranquillamente cominciare dalla Collegiata di Sant’Andrea. Questo edificio si affaccia direttamente sulla Piazza Farinata degli Umberti ed è considerato come il centro pulsante dell’intera comunità locale.

I marmi verdi e bianchi della parte esterna dell’edificio in questione catturano subito l’attenzione proponendo, tra l’altro, un sontuoso stile romanico. Le arcate e le decorazioni geometriche conducono verso opere d’arte di inestimabile valore, come il trittico di Lorenzo di Bicci, l’affresco di Raffaello Botticini e la Madonna dei Buglioni nella Cappella della Concezione . Inoltre, si consiglia di dare un’occhiata persino il Museo della Collegiata, uno dei siti ecclesiastici più antichi in assoluto.

Un’altra tappa interessante riguarda il Museo del Vetro. Riferimento di spessore per la lunga tradizione manifatturiera empolese, in questo luogo si possono osservare innumerevoli testimonianze artigiane assolutamente uniche. Entrare in un luogo del genere significa entrare in contatto con una dimensione dalla profonda autenticità in cui si possono sviscerare le peculiarità di diverse tecniche manuali.

Palazzo Ghibellino e diverse informazioni utili

L’itinerario ideale in quel di Empoli (il cui cap è 50053) prevede pure una visita al Palazzo Ghibellino. L’edificio in questione è uno degli edifici storici più importanti della città. All’interno è ospitato il Museo Civico di Paleontologia, con tantissimi fossili e rocce che documentano la storia del pianeta in modo esemplare e suggestivo.

Per giungere nella località toscana in men che non si dica, si può optare per il treno effettuando qualche tappa intermedia – grazie alle linee ferroviarie Firenze-Pisa e Empoli-Siena. In alternativa a ciò, si può prendere l’areo atterrando nell’aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze, il quale dista solo 24 chilometri da Empoli.

Oltre alle meraviglie elencate sino ad ora, la cittadina in questione propone anche una cucina tipica da leccarsi i baffi. Basti pensare al carciofo empolese o ai crostini con fegatini e carne. In aggiunta a ciò, ci sono altre pietanze in grado di soddisfare anche i palati più esigenti. La ribollita toscana, la zuppa di cavolo nero, i secondi a base di cacciagione e i cantuccini da inzuppare nel vinsanto delizieranno grandi e piccini con gusto e delicatezza.

You may also like